Schermata 2015-03-29 alle 13.48.30 Schermata 2015-03-29 alle 13.48.38

 

 

 

Otto progetti “a piano” o quasi, altri due contano di rispettare i tempi. Così si presenta, dopo la prima valutazione da parte della Commissione Scientifica, il panorama dei progetti informatici dedicati alla prevenzione e partecipanti da tutta Italia al concorso eHealth4all. I lavori sono dedicati al tema dei corretti stili di vita e rispondono alla domanda su come l’informatica possa allungare la vita e migliorarne la qualità, riducendo le complicanze nelle malattie. Non solo device intelligenti, non solo sistemi di monitoraggio in “cloud”, o programmi capaci di girare sui principali sistemi operativi e su mobile come su PC o IPad: i lavori ammessi alla valutazione – rigorosamente italiani e provenienti da otto regioni (Lombardia Sardegna Veneto Toscana Puglia Molise Friuli VG Piemonte) – sono stati selezionati sulla base dei criteri d’innovatività, misurabilità della prestazione e dei suoi effetti in termini di salute, dimensione del bacino d’utenza coinvolto, riproducibilità nell’ambito del Servizio sanitario nazionale, autorevolezza del proponente. A valutarli, il 29 settembre scorso a Milano in Assolombarda, esponenti del mondo dell’economia, dell’informatica, della sanità e della medicina. Entro metà ottobre i responsabili dei dieci progetti finalisti saranno informatidei rilievi della Commissione, e riceveranno le raccomandazioni della Commissione su come migliorare o meglio attivare la propria proposta. «In questa fase si è semplicemente verificato se le “macchine” si sono immesse sulla strada che le porterà a Milano a giugno 2015 alla premiazione nel quadro di Expo – afferma Ornella Fouillouze, di ClubTi Milano, che ha organizzato il premio con le associazione Aica e Aused – Si attende ora una seconda valutazione, decisiva, per gennaio, in cui verrà evidenziato il reale stato di messa in opera dei progetti. Questi ultimi dovranno rappresentare un vero ausilio tecnologico nel quotidiano dei professionisti della salute e dei cittadini, a seconda del target cui si indirizzano. Insomma, entro il 2015 non solo il primo classificato ma anche gli altri vorremmo vederli all’opera».

 

www.clubtimilano.net

www.ehealth4all.it

clubti@assolombarda.it

02 58 37 02 35

Riferimento Signora Martina Busnari