Premio eHealth4all, tredici informatici nel comitato scientifico. Il made in Italy si fa “Bit”

Lieve prevalenza di esperti di informatica nella composizione del comitato scientifico. E’ una delle novità della III Edizione del Premio eHealth4all, coerente con l’importanza attribuita alle tecnologie informatiche nei progetti candidati al concorso; ci sono poi sei medici, tre economisti e cinque tra ingegneri, bioingegneri, esperti di comunicazione, legali. Un “board” di grande valore, come si può evincere dall’allegato, con nomi provenienti da tutta Italia, che ha come segretario l’informatico Giorgio Malagoli, e che sarà chiamato in aprile a giudicare i lavori giunti alla segreteria del premio entro il 15 marzo. Non è finita qui. Nelle stesse ore in cui si completava il comitato scientifico arrivava la comunicazione che l’Istituto Superiore di Sanità patrocinerà la terza edizione del Premio eHealth4all per il biennio 2017-19. Una grande notizia per il Premio e per i suoi organizzatori: ClubTi, AICA e CDTI Roma.  
Nato nel 2013 nell’ambito del ClubTI e coordinato da Ornella Fouillouze, attuale vicepresidente dell’associazioneil premio eHealth4all, è destinato al miglior progetto informatico per la prevenzione in sanità e si rivolge a organismi pubblici e privati, atenei e loro ricercatori, Asl, ospedali, start-up, produttori informatici o di biomedicali. Sono in gara sia progetti complessi e multimediali sia apps per fisso e mobile, il denominatore è che siano rivolti a migliorare la qualità della vita e a prevenire morbilità.  
I candidati al nuovo concorso, dal titolo “Prevenzione 4.0 – tecnologie e soluzioni per la salute di oggi e di domani”, saranno valutati con particolare attenzione per il valore aggiunto in termini di tecnologia e di fruibilità dei dispositivi. Il Bando di partecipazione a questa edizione 2017-19 è disponibile al link http://ehealth4all.it/wp-content/uploads/2017/12/BANDO-EHEALTH4ALL-2017-2019-.pdf e i lavori partecipanti vanno inviati in forma elettronica alla segreteria del premio ClubTI@Assolombarda.it 

Lascia un commento